Da visitare a Matera e dintorni

Rotondella

veduta di Rotondella

L'abitato di Rotondella ha origini molto antiche. Rotondella viene citato nel 1261 col nome di "Rotunda Marinis", termine derivato, probabilmente, dalla sua particolare posizione di fronte al mar Jonio. Caratteristici sono i palazzi arricchiti da bellissimi portali. Nel comune di Rotondella molto bella è la chiesa madre dedicata a Santa Maria delle Grazie, nel cui interno sono custodite le statue lignee dell'Immacolata, della Madonna delle Grazie e di Sant'Antonio, e la chiesa di Sant'Antonio da Padova, appartenente al convento francescano degli Zoccolanti. La chiesa ed il convento, edificati nel 1652, furono abitati dai monaci fino al 1862 quando, con la legge Siccardi, divennero proprietà dello stato. La costruzione conserva un bellissimo altare in marmo policromo e alcune statue raffiguranti San Francesco d'Assisi, San Pasquale Bairo e Santa Rosa da Lima. Le spiagge del comune di Rotondella, meta di un notevole flusso turistico, sono state valorizzate con la creazione di numerose strutture ricettive.

Parco Nazionale del Pollino

Parco Nazionale Pollino

A poco più di 50 km da Rotondella, offre paesaggi d'incomparabile bellezza. Nella natura incontaminata si può ammirare il Pino Loricato e l'aquila reale. Oasi naturale del WWF, Policoro comprende parte del Bosco Pantano: 500 ettari di bosco, intimamente unito alla costa, proteso verso l'interno, con un clima temperato-umido, diverso dal clima caldo-umido tipico del litorale ionico. Questo ha consentito lo sviluppo di esemplari floristici e faunistici di rara bellezza. È inoltre un'area strategica per le migrazioni degli uccelli.

Metaponto

Parco Archeologico Metaponto

Parco Archeologico della necropoli di Crucinia: si tratta dei resti del Santuario dedicato ad Apollo Licio e dell'attigua Agorà. Il santuario comprende quattro templi: il più antico (inizio del VI sec a.C.) dedicato ad Atena, il tempio di Apollo (VI sec. a.C.), i resti del tempio di Hera e il tempio di Afrodite (del 470 a.C. circa). Nuovo Museo sito a Metaponto Borgo: in esso i reperti dell'area metapontina e dell'entroterra lucano. Castello di Torremare: roccaforte medioevale.

Matera

città di Matera

I Sassi: iscritti nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Unesco, sono insediamenti rupestri sviluppatesi a partire dall'Alto Medioevo lungo le ripide pareti di tufo del torrente Gravina. Abitati dapprima dagli uomini preistorici, divennero abitazioni per monaci benedettini e greci che vi costruirono cappelle e altari e si sviluppò, infine, un abitato di contadini. Chiese rupestri: più di 150, si collocano in un arco di tempo ampio che va dal VI al XVIII sec. d.C. e sono tutte collocate sull'altopiano del torrente Gravina. Villaggi neolitici. Duomo: costruito tra il 1268 e il 1270 in stile romanico-pugliese, custodisce opere d'arte di notevole pregio, tra cui un presepe del 1500 in pietra di Altobello Persio da Montescaglioso e l'affresco della Madonna della Bruna, patrona della città. Palazzo Lanfranchi: fatto costruire dall'omonimo vescovo nel 1670, oggi sede della Soprintendenza ai Beni artistici e culturali della Basilicata, della Fondazione Primo Levi e della pinacoteca d' Errico con dipinti della scuola napoletana del '600 e del '700. Castello Tramontano: risalente al XV sec.. Museo Nazionale di Ridola: nell'ex convento di Santa Chiara, conserva i reperti archeologici dell'età del ferro e del bronzo.

Tursi

Santuario di Anglona

Santuario di S.Maria d'Anglona risalente al XIII sec, il santuario costituisce l'unica traccia dell'antico abitato di Anglona, di epoca bizantina, sorto dalle rovine dell'antica città greca di Pandosia.

Valsinni

città di Valsinni

Valsinni ospita il Parco Letterario di "Isabella Morra" e il Mulino di Palazzo Mauri che conserva ancora grosse macine di pietra.

Policoro

santuario di Policoro
città di Policoro

Museo Nazionale della Siritide e Parco Archeologico: qui troverete documenti della vita preistorica, arcaica, classica, ellenistica, romana e medioevale delle varie civiltà vissute su questo territorio, fra cui Enotri, Lucani, Greci di Siris ed Heraclea. Castello del Barone: le sue origini sembrano risalire al XIII-XIV sec. d.C. e nel corso della sua storia subì vari rifacimenti. Santuario della Madonna del Ponte: chiesetta rurale in cui è conservata una statua lignea della Madonna col Bambino risalente al XIII-XIV sec. d.C.

Castelmezzano - Volo dell'angelo

Castelmezzano - Volo dell'angelo

Castelmezzano è un comune in provincia di Potenza, tra i tesori più belli della Basilicata.
Lo spettacolo più affascinante di Castelmezzano è quello offerto dallo scenario delle Dolomiti Lucane che gli fanno da sfondo.

Da Castelmezzano è possibile raggiungere il borgo di Pietrapertosa, e viceversa, effettuando il Volo dell’Angelo. Questo sport consiste nel restare sospesi, imbracati e agganciati ad un cavo di acciaio, per qualche minuto, con la possibilità di godere dell’ebbrezza del volo e di un panorama mozzafiato.

Castello di Bernalda

castello di Bernalda

Il castello di Bernalda fu costruito nel 1470 ma recenti scoperte fanno risalire la presenza di una fortificazione già in epoca Normanna. Il castello attuale è quello fatto erigere da Bernardino de Bernaudo segretario di re Alfonso II di Napoli. Dal nome del feudatario prenderà il nome l'intera città Bernalda. Il castello ha una forma quadrangolare ed ha tre torri angolari, inoltre possiede almeno quattordici pozzi, che dimostrano chiaramente come doveva essere difficile per gli abitanti della rocca procurarsi acqua in caso di assedio.

Craco - Aliano - Pisticci

Craco
Aliano
Pisticci
Share by: